27 -31 gennaio 2020: settimana dedicata alla Memoria ed alla Rievocazione

da | Feb 1, 2020 | News, slides | 0 commenti

La settimana dal 27 al 31 gennaio è stata dedicata alla Memoria e alla rievocazione di quello che è stato e non vorremmo che si ripetesse più, l’Olocausto di migliaia di vittime, non solo ebree, colpevoli solo di essere giudicate diverse e per questo discriminate.

L’argomento è stato affrontato attraverso varie iniziative: il giorno 27 gennaio alcuni alunni delle classi della scuola secondaria di I grado Gabellini hanno visitato la mostra fotografica allestita presso la saletta Corte, intitolata “1938-1945 La persecuzione degli ebrei in Italia” organizzata dall’ANPI di Coriano. Hanno avuto modo di conoscere il fenomeno attraverso documenti e foto d’epoca, rendendosi conto della reale portata di questa drammatica strage.

   

Il giorno 28 gennaio tutte le classi delle scuole di Coriano e Montescudo hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime della Shoah; il momento è stato preceduto da attività e discussioni su quanto avvenuto in Germania e in Italia tra il 1939 e il 1945.

Gli insegnanti hanno colto l’occasione per leggere in classe alcuni passi del libro di Liliana Segre, intitolato “Scolpitelo nel vostro cuore”, opera autobiografica in cui l’autrice, allora adolescente, racconta la difficoltà, al tempo di Hitler e Mussolini, dell’essere “giudicata diversa”.

                                       

In tutte le classi i docenti hanno proposto la visione di documentari e film sull’argomento, come i recenti “Un sacchetto di biglie” e “Il viaggio di Fanny”, oltre alla testimonianza in diretta di Liliana Segre agli studenti di alcune classi di Milano al Teatro degli Arcimboldi.

E’ stata inoltre riproposta l’esperienza molto toccante dello scorso anno in cui le classi terze si recarono a Milano in visita al Memoriale della Shoah e al Binario 21.

A conclusione del percorso, alcuni insegnanti hanno proposto attività di riflessione scritte, individuali e a gruppi, che hanno orientato i ragazzi, aiutandoli a comprendere somiglianze e differenze con alcuni fenomeni attuali e a immedesimarsi nelle letture affrontate.

   

Un’esperienza formativa e di crescita civile oggi più che mai necessaria, in un momento storico in cui si riemergono prepotenti rigurgiti di razzismo, odio e negazionismo.

 

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario.”  (Primo Levi)